…PROFUMAZIONI CHIMICHE? NO, GRAZIE!

aroma…a chi non fa piacere entrare in un ambiente gradevolmente profumato? Tutti lo apprezzano – impariamo però a controllare sempre ingredienti e provenienza dei deodoranti per ambienti, incensi e candele profumate che scegliamo per la casa, l’auto e l’ufficio… e ricordiamoci di prestare attenzione anche a quelli che “incontriamo” in negozi, studi medici, bagni pubblici – o a casa di amici Winking Face on Apple iOS 14.6

Perché è così importante?? Perché il nostro senso dell’olfatto si abitua molto rapidamente agli odori, buoni o cattivi che siano, perfino a quelli tossici: ad es. i deodoranti per ambienti “plug-in” (quelli cioè da inserire nella presa di corrente) rilasciano nell’aria un olio ricco di sostanze chimiche che, alla lunga, possono danneggiare i nostri polmoni (i residui cerosi e oleosi, infatti, si accumulano nelle sacche polmonari) – come termine di paragone, il fumo (attivo o passivo) di sigaretta risulterebbe meno dannoso che respirare regolarmente questi “aromi”…

Il deposito oleoso finisce anche nel fegato, entrando nel flusso sanguigno dai polmoni, oltre al fatto che viene ingerito anche attraverso la bocca, giungendo così al tratto intestinale e da qui ancora una volta al sangue e al fegato… Le nostre cellule natural killer, i linfociti e altri globuli bianchi, assorbono questi veleni ed il nostro sistema immunitario ne risulta istantaneamente indebolito – n.b.: l’effetto dell’esposizione a una forte dose di deodorante per ambienti o simili può durare anche tre o quattro giorni!

I nostri globuli bianchi hanno bisogno di sangue pulito, fresco e ossigenato: arieggiamo spesso l’ambiente in cui viviamo (anche d’inverno ma, a maggior ragione, d’estate!), profumiamolo con piante e fiori (vivi) ed estratti naturali certificati; camminiamo respirando a pieni polmoni nella natura ogni volta che possiamo e… beh, non è realistico riuscire a evitare qualsiasi tipo di tossina nell’aria, nel cibo etc. quindi ricordiamoci di fare periodicamente un po’ di sano detox… 😉

Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione, Benessere 2.0, Mindfulness al lavoro e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...