LA DROGA PIU’ DIFFUSA…? LO ZUCCHERO

dolci_dessert-640x278

Spesso le campagne anti-droga hanno fatto uso di immagini forti per comunicare il messaggio che l’uso di sostanze stupefacenti danneggia il cervello (es. un vecchio filmato americano mostrava un uovo in padella, che iniziava a cuocersi per poi rompersi).

Dovendo trovare un’immagine per esemplificare l’effetto dello zucchero sul nostro cervello, potremmo prendere una bottiglia di cocacola o di una qualsiasi altra bibita gassata, agitarla, stapparla e osservare il risultato esplosivo: la sensazione di carica che abbiamo dopo aver mangiato qualcosa di dolce viene chiamata “sugar high” per buoni motivi – e, quando ci sentiamo deboli, ormai si dice comunemente di essere in “astinenza da zuccheri”… In effetti è dimostrato che, quando il fruttosio (un carboidrato semplice) è presente nel sangue, questo provoca una reazione cerebrale molto simile a quella agli strupefacenti (!).

Lo zucchero attiva la triade dei cosiddetti “ormoni della felicità” — serotonina, dopamina ed endorfina — che migliorano l’umore, riducono la percezione del dolore e in generale inducono  uno stato di benessere. Purtroppo però lo zucchero non attiva alcun ormone che dia senso di sazietà… quindi è estremamente facile mangiarne troppo, accumulando calorie (e infiammazioni) inutili.

A nostra parziale discolpa, spesso lo zucchero si nasconde in alimenti insospettabili, ad es. salati e non dolci, come condimenti e salse pronte, ketchup, crackers, piatti pronti, surgelati e fast food. Perfino il muesli e i cereali per la prima colazione, considerati “salutisti”, contengono già all’origine l’equivalente di 4 o 5 cucchiaini di zucchero a porzione… uno vero sproposito! Ne risulta che 8 persone su 10 consumano ben oltre la dose quotidiana raccomandata dai medici (ovvero, max. 10% di calorie da zucchero).

Fortunatamente, così come ci si abitua velocemente, ci si può anche disabituare velocemente al gusto dolce.

Come? Oltre ovviamente a un po’ di volontà e autodisciplina, dobbiamo introdurre cibi che aiutino a compensare psicologicamente e fisicamente una riduzione di zuccheri: si tratta dei latticini (di capra o pecora e sempre senza esagerare!), noci, semi, avocado e olio d’oliva, carne e pesce – ossia tutti i grassi “buoni”.

Ad esempio l’acido oleico, un grasso insaturo che si trova nell’olio d’oliva e nell’avocado, contribuisce al senso di sazietà inviando messaggi specifici al cervello per bilanciare la richiesta di calorie (n.b.: questo spiega anche il motivo per cui, consumando cibi light o “senza grassi”, non ci sentiamo mai sazi e piuttosto insoddisfatti).

Gli acidi grassi essenziali, come trigliceridi e colesterolo, sono necessari alle funzioni primarie del corpo, promuovono la salute dei nostri organi e supportano i processi metabolici – ecco perché è importante non dimenticarci di consumare cibi che supportino i livelli di “colesterolo buono” (HDL), riducendo contestualmente gli zuccheri!

Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione, Benessere 2.0 e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...