La verità sulla dieta “basica” o alcalina

ayda-oz-302461Che l’intestino si comporti come un secondo cervello è ormai scientificamente provato – è naturale quindi che un suo squilibrio possa avere ripercussioni negative sull’umore, la digestione ed il livello energetico complessivo della persona. La buona notizia è che è relativamente semplice mantenere in forma il nostro intestino: un buon sistema, ad esempio, è quello di orientarsi verso una dieta maggiormente alcalina – altra grande moda del momento, che però ha indubbiamente il suo “perché” 😉 

Il nostro corpo ha bisogno di un ambiente leggermente alcalino per poter operare al meglio: consumare cibi che favoriscono questo pH, quindi, aiuta a controbilanciare gli effetti (acidi) dovuti ad es. al consumo di caffeina, di alcolici e diversi prodotti raffinati industriali. 

Nutrirsi prestando attenzione a questa componente, non solo promuove la salute intestinale ma ci aiuta anche a contrastare malattie croniche quali diabete, artrite e osteoporosi; migliora la massa muscolare e l’assorbimento delle vitamine, riduce il rischio di ipertensione e ictus, diminuisce il livello di infiammazione e i dolori articolari – aiutandoci anche a perdere peso! 

Quali sono quindi i cibi da evitare e quali quelli da privilegiare?? 

CIBI DA EVITARE 

Ridurre l’assunzione di uova e latticini (inclusi formaggi come il parmigiano e la mozzarella), evitare al massimo carni e salumi, alimenti in scatola (come sardine e tonno o macedonia), farine raffinate, alcolici, bibite gassate, caffè e tè nero, cioccolato, zucchero e dolcificanti artificiali. Gelato e dolci in genere, frutta acida mescolata a carboidrati (es. nelle torte o sul gelato o nelle marmellate). Aceto. Birra. Lieviti. Sale da tavola. 

A fare da contrappeso, una dieta ricca di cibi freschi… 

VERDURE 

Funghi, spinaci, alghe, cetrioli, broccoli, cavoli e cavolini sono vivamente raccomandati, così come aglio e cipolla, patate dolci e zucca – non fritti né cotti ad alte temperature: da consumare crudi o al vapore, oppure nei centrifugati (lo stesso vale per il pomodoro…). 

SPREMUTE DI AGRUMI 

Nonostante la loro natura prettamente acida, il succo degli agrumi è un agente alcalinizzante (!) – da prediligere quello di limone, lime e pompelmo (quante volte l’avete sentito ripetere? iniziare la giornata con un bicchiere di acqua calda e spremuta di limone è un ottimo modo per disintossicarsi…). Un’alternativa può essere un cucchiaio di aceto di mele + un cucchiaino di miele, sempre sciolti in un bicchiere di acqua calda o tiepida.  

ALTRI CIBI ALCALINIZZANTI 

Anguria, banane, datteri, fichi sono perfetti, così come avocado, ciliegie, mele e uva. Olio d’oliva, quinoa e riso selvatico, lenticchie. Miele e melassa. Tè verde. Zuppa di miso. Bicarbonato di sodio. 

 

Alla fine dei conti, dobbiamo sempre mangiare anche e soprattutto ciò che ci piace: quindi, se ad esempio abbiamo voglia di una bella frittata… basta abbinarla a una porzione di spinaci! 

 

PUBBLICARE VENERDI 23 febbraio 2018 

 

Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...