La connessione mente-corpo

body mind soul spirit YOU

Quando riusciamo a usare la nostra mente per (ri)connetterci al nostro corpo, controlliamo il sistema nervoso e, di conseguenza, riusciamo a gestire la nostra ansia: che si tratti di ansia da rapporti personali o generalizzata, frutto di iperattività e pressioni lavorative, legata a traumi, a fobie da spazi aperti (o chiusi!), alla paura di guidare, di parlare in pubblico fino ai disordini alimentari e agli attacchi di panico… capire come la nostra mente e il nostro corpo funzionano e come, naturalmente, siano programmati per sostenersi reciprocamente è la chiave per tornare al timone della nostra esistenza.

Svolgere un’attività fisica che ci costringa a riportare l’attenzione sul nostro corpo (con movimenti lenti e deliberati es. nello yoga o alcune arti marziali), far proprie tecniche di respirazione, riabituarsi a indirizzare e mantenere l’attenzione su un unico “oggetto/soggetto” (scelto da noi, anziché imposto dall’esterno), dedicare anche solo pochi minuti al giorno ad attività che ci aiutano a zittire l’onnipresente ruminìo mentale… sono tutti esempi di mindfulness, della volontà di rimettere noi stessi al centro del nostro mondo, imparando a disidentificarci dall’ansia e, anzi: a osservarla come alleata e utile consigliera 😉

Questa voce è stata pubblicata in Benessere 2.0, Counseling, Mindfulness al lavoro, Yoga e tradizioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...